• 18 Ottobre 2021 12:34

Leonardo Bisori: LETTERA APERTA AL SINDACO DI PRATO

DiEco di Prato

Mar 15, 2021
Alla
cortese attenzione del sindaco di Prato, sig. Matteo Biffoni

Egregio
Sig. Sindaco
Biffoni

questa è una semplice segnalazione di un privato cittadino che, in
premessa, indica la motivazione di questa segnalazione.

PREMESSA

In rapporto a quanto segue:

Il giorno 29 settembre 2020 il Prof. Matteo Bassetti così afferma: “I tamponi possono dare, da una parte, una falsa patente di negatività e di liberi tutti, e dall’altra produrre un esercito di positivi asintomatici. Rischiamo di far circolare soggetti negativi che trasmettono il virus e chiudere in casa altri con tampone positivo (o debolmente positivo) che non trasmettono a nessuno”;

Il giorno 03 ottobre 2020 il sig. Giulio Tarro: così dichiara: “ L’efficacia dei tamponi è messa in discussione dallo stesso scienziato che li ha inventati, il premio nobel Kary Mullis. Ma non c’è peggior sordo di chi non vuole sentire. Dei tamponi non ci si può fidare e oggi abbiamo le prove”;

Il giorno 23 dicembre 2020 molti colleghi hanno chiesto indicazioni su
come curare i propri
pazienti; i professori Remuzzi, Sutter, insieme alla dottoressa Cortinovis e al dottor Perico, hanno deciso di pubblicare un lavoro su “Clinical and Medical Investigations” per spiegare appunto come trattano i positivi al Covid direttamente a casa: “sono tantissimi gli italiani che si rivolgono agli ospedali perché non hanno assistenza nel curarsi a casa”.
Insomma, Remuzzi invita ad attaccare il virus ai primi sintomi,
prima ancora di avvertire il medico di famiglia e prima di avere il
risultato del
tampone;

Il giorno 13 Gennaio 2021 L’OMS ha raccomandato agli operatori dei laboratori analisi di non interpretare come positivi i risultati ottenuti con l’utilizzo della diagnostica RT-PCR.
In particolare, secondo Jafaar et al, quelli ottenuti con un numero di cicli superiore a 35, la probabilità che produca falsi positivi è del 97% mentre secondo VanKampen et al, pubblicato il 21 gennaio 2021, la probabilità che produca falsi positivi indipendentemente dal numero di cicli utilizzati è di oltre il 90%;

Il 16 gennaio 2021 il Prof.Matteo Bassetti così avverte: “l’errore è stato non fare nulla per mettere in sicurezza le persone anziane”;

Il 05 Febbraio 2021 il sig. Giulio Tarro afferma : “La gestione  dell’emergenza Covid in Italia è stata un fallimento. Se in Italia si è trasformata in un’ecatombe, grande è la responsabilità di una casta medica che non ha avuto remore a validare direttive insensate come quelle che, in Italia, hanno impedito di curare a domicilio pazienti Covid, o  che hanno evitato autopsie, o che hanno impedito terapie già rivelatesi efficaci”;

Il 11 febbraio 2021 il sig. Gianluca D’Agostino, medico marchigiano, con lettera aperta alla Regione Marche dichiara: “Il sistema attuale di  tamponi produce fino al 90/95 % di casi di “falsi positivi”, permettendo alle autorità di procedere a lockdown totalmente ingiustificati, in quanto non vi è nessuna pandemia in corso”;

Il 25 Febbraio 2021 il sig. Maurizio Blondet afferma : “Per l’ennesima volta: i tamponi danno il 90% di falsi positivi”;

Il 14 marzo 2021 si rende noto che i nuovi casi registrati in Toscana
sono 1.305 su 
21.240 test eseguiti, di cui 15.579 tamponi molecolari e 5.661
test rapidi. Il tasso dei nuovi positivi è del
6,14% sul totale dei tamponi e del 11,9% sulle prime diagnosi”. Se ricalcoliamo i dati secondo le precise
indicazioni dei punti 1, 2, 3, 4, 6, descritti sopra abbiamo 
effettivamente: 130,5 nuovi casi “testati” positivi, percentuale 0,9%. Invece, rispetto
a 15gg fa, 2
8 febbraio 2021, in Toscana i positivi erano 1070 su 19.116
test, di cui 1
4.034 tamponi molecolari e 5.082 da test rapido antigenico. Percentuale 5.06% Ricalcolando, come sopra, però, risultano: 11
nuovi casi “testati” positivi, percentuale 0,
9%.

Il 12 marzo 2021 il Prof. Matteo Bassetti dichiara: “Eppure Natale avrebbe dovuto insegnarci qualcosa ma abbiamo fatto un lockdown generalizzato passando dall’arancione al giallo poi ancora all’arancione facendo una grande confusione e non riuscendo a farlo rispettare..! L’Italia è stato
il primo paese occidentale ad affrontare la pandemia, ma sarà anche
l’ultimo ad
uscirne”

segnalo

il problema della metodologia diagnostica del Covid-19 a Prato, in
Toscana, ed anche nel resto d’Italia. Il 13 marzo 2021, a Prato, per Covid-19, si sono registrati 168 casi positivi. In riferimento a quanto espresso nella premessa e sapendo che la diagnostica usata per definire la positività dei tamponi, secondo la conoscenza scientifica ed esperienza professionale di medici ospedalieri, virologi e infettivologi, la stessa OMS, diverse riviste scientifiche prima tra tutti (Lancet), produce fino a oltre il 90% di falsi positivi, è plausibile dedurre che di quei 168 soltanto il 10% potrebbe essere infettato ed eventualmente contagioso. Stiamo parlando di 16 individui che rappresentano lo 0.008% su una popolazione di 194.800 di persone.

Con questi dati risibili dal punto di vista statistico, sembra doveroso
“ridiscutere” la situazione col Presidente Giani e l’assessore regionale Nardini, come già proposto nei giorni scorsi (come da Lei stesso dichiarato). Sarebbe, inoltre, auspicabile da parte sua, come primo cittadino, coinvolgere la Prefettura per riconsiderare la decisione di dichiarare Prato zona rossa
insieme ad altre province Toscane, considerando che, rileggendo i dati di riferimento diffusi nei precedenti 15gg, non si giustifica tale decisione. Oltre a ciò un lockdown di 3 o addirittura, 4 settimane, con la chiusura di ogni attività, porterebbe ad un immane disastro economico e sociale irrimediabile per la nostra città e la Toscana tutta, aggravato ancor più dalla chiusura della scuola, nonostante, abbia dimostrato di saper proteggere tutti, efficacemente e in special modo i più fragili, ma che provocherebbe alle famiglie, inevitabili, ansie e preoccupazioni per questi figli che vedono sempre più persi e smarriti.

Ringraziandola
della sua cortese attenzione, le porgo distinti saluti.

Sig.
Leonardo Bisori

Eco di Prato

Pubblica i tuoi comunicati stampa, eventi completamente Gratis e senza nessuna registrazione.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy, incluse le seguenti finalità relative alla pubblicità utilizzate dal Titolare e da terze parti: Conservazione e accesso alle informazioni; Personalizzazione; Puoi liberamente fornire, rifiutare o revocare il tuo consenso senza incorrere in limitazioni sostanziali e modificare le tue preferenze relative agli annunci pubblicitari in qualsiasi momento accedendo al pannello delle preferenze pubblicitarie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Copyright © 2021 - Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi dell'art. 62 del 07/03/2001.