Il Console Generale della Repubblica Popolare Cinese a Firenze, Wang Fuguo, ha ricevuto in forma ufficiale la delegazione dell’associazione Ramunion Italia, struttura nazionale con sede centrale a Prato, rappresentata dal presidente e socio fondatore Luca Zhou Long, e dal rappresentante italiano, il giornalista e scrittore Umberto Cecchi, che per la sua conoscenza della Cina e per i contatti istaurati da anni fra immigrati e cittadini italiani è stato cooptato nell’associazione, che ha carattere benefico e interviene in moltissimi casi, sia in aiuto a cittadini cinesi, sia italiani indigenti.
Colta l’occasione della visita in Italia del presidente della Repubblica Popolare Cinese, Xi Jinping, gli scopi di Ramunion Italia sono stati illustrati al Console da Umberto Cecchi e da Zhou Long. Cecchi ha sottolineato l’importanza di una presenza ufficiale cinese in appoggio all’associazione che opera in numerosi settori che vanno dall’assistenza agli ammalati, a quella dell’istruzione scolastica, e che è stata artefice di numerose donazioni nel comparto dell’assistenza, come ambulanze e altre strutture mediche, nello sport – come la promozione di gare come il Dragon Boat Festival – e nello scambio culturale fra due mondi che hanno legami reciproci di economia e cultura da quasi due millenni, come ha ricordato Luca Zhou a nome di tutta la delegazione.
Il Console Wang Fuguo si è felicitato per l’iniziativa, che ha definito intelligente e di grande interesse per le interrelazioni fra Cina e Italia, anche nell’ottica del recente accordo siglato fra i due paesi. Un brindisi con un soave ‘chai’ cinese, ha concluso l’incontro.