Dal 1° gennaio 2018 Stangata sui sacchetti di frutta e verdura: saranno a pagamento

Dal 1° gennaio 2018 Stangata sui sacchetti di frutta e verdura: saranno a pagamento

Confesercenti Prato: “Scelta sbagliata e incomprensibile è una vera e propria nuova tassa sulla spesa”

Dal primo gennaio, salvo proroghe dell’ultima ora, le borse di plastica ultraleggere usate per frutta e verdura ma anche pesce e altri prodotti alimentari, saranno a pagamento. Un ulteriore balzello per i consumatori e un nuovo adempimento per i commercianti, che sono già sul piede di guerra. Fiesa Confesercenti ha chiesto una proroga. «Di questa novità – commenta Andrea Calamai, Presidente Fiesa Confesercenti Prato – i cittadini non sanno nulla, e nemmeno i negozi di alimentari sono pronti. Secondo la direttiva europea volta a ridurre il consumo di plastica, tra qualche giorno dovremmo essere in grado di far pagare ai clienti gli shopper ultraleggeri a un prezzo del tutto discrezionale, che stimiamo possa variare da 2 a 10 centesimi».

Pochi spiccioli, è vero, ma se si usa una borsa per le mele, una per le pere, una per le carote, far salire il conto della spesa è un baleno soprattutto per chi è abituato a fare la scorta settimanale al supermercato e fa incetta di queste borse ultraleggere, che di frequente si trovano abbandonate, insieme ai guanti, nei carrelli. Persino per gli addetti ai lavori la normativa non è chiara. «L’obbligo di far pagare le borse di plastica ultraleggere dovrebbe riguardare solo quelle con i manici, non quelle senza usate ad esempio per mettere il pesce. È giusto, certo ridurre il consumo di plastica – commenta Paolo Marchese Presidente ANVA della Confesercenti di Prato – ma perché non intervenire sui pochi produttori di questi shopper, anziché far ricadere gli oneri sui commercianti e gli ambulanti e, a cascata, sui consumatori, ai quali dobbiamo spiegare che dobbiamo vendere loro non solo i prodotti ma anche l’indispensabile bustina di plastica?».

«Si tratta di un nuovo balzello che graverà sui consumatori e complicherà la vita alle imprese del settore – ha detto Mauro Lassi Presidente Confesercenti di Prato – Se da un lato è necessario alzare il livello di impegno per aumentare la consapevolezza dei cittadini sugli impatti che le borse di plastica hanno sull’ambiente dall’altro non si può scaricare sempre i costi sui consumatori e sulle imprese della distribuzione. Più corretto sarebbe una previsione legislativa capace di introdurre comportamenti virtuosi nella fase produttiva, imponendo l’utilizzo di materiali eco compatibili già nella fase primaria».

Condividi

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.