Conferimento gratuito di piccole quantità di amianto anche per i cittadini di Pietrasanta

Conferimento gratuito di piccole quantità di amianto anche per i cittadini di Pietrasanta

Conferimento gratuito di piccole quantità di amianto derivanti da lavori di rimozione di manufatti anche per i residenti nel Comune di Pietrasanta, oltreché per quelli del territorio di Montignoso. È questa l’intenzione di Programma Ambiente Apuane Spa, che peraltro vedrà protagonista l’impianto di Cava Fornace il prossimo 8 giugno con l’Open Day dedicato alle visite aperte al pubblico.

Di fatto, le linee guida “Amianto” emesse dalla regione Toscana nel giugno 2018, ricomprendono, tra le altre cose anche precise e coerenti indicazioni per la cittadinanza e per i soggetti pubblici sulla rimozione e smaltimento di materiali contenenti amianto di provenienza domestica (raccolta e micro-raccolta), che è un aspetto circoscritto ma importante per le implicazioni sanitarie e ambientali ad esso connesse.

L’azienda in un’ottica di assoluta collaborazione con gli Enti interessati, nel 2013 ha stipulato un contratto con il Comune di Montignoso, ove, tra le altre cose, è stato stabilito di concedere il conferimento gratuito nel caso di piccole quantità derivanti da lavori di rimozione di manufatti contenenti amianto in matrice compatta eseguiti direttamente dal proprietario previo ottenimento di apposito nulla osta da parte dell’ufficio ambiente del comune stesso. Desideriamo pertanto estendere tale agevolazione anche al Comune di Pietrasanta, sul cui territorio siede un terzo della discarica, relativamente allo smaltimento di manufatti derivanti sia dalla rimozione effettuata da privati cittadini che da quella derivante da bonifica operata su edifici pubblici.

“Riteniamo fondamentale – sottolinea il presidente Enrico Giardi – dare anche ai cittadini del Comune di Pietrasanta questa importante opportunità, legata al conferimento gratuito di piccole qualità di amianto che possono provenire da tanti lavori di miglioria e ammodernamento di aziende e abitazioni. E sono felice di poter dare questo annuncio alla vigilia dell’Open Day che vedrà l’impianto di Cava Fornace protagonista l’8 giugno, con l’apertura straordinaria al pubblico per l’intera giornata e le visite guidate”.

Del resto, le linee guida hanno al loro interno una sezione sulle azioni per contenere e ridurre il rischio di esposizione all’amianto, che ricomprendono precise e coerenti indicazioni per la cittadinanza ma anche per i soggetti pubblici sulla rimozione e smaltimento di materiali contenenti amianto di provenienza domestica (raccolta e micro-raccolta), che è un aspetto circoscritto ma importante per le implicazioni sanitarie e ambientali ad esso connesse.

Nelle linee guida sono inoltre contenute tutte le istruzioni per rimuovere questo materiale in modo corretto e sicuro, nel rispetto di quanto indicato dal DM 6 settembre 1994, prevedendo misure per la protezione e sicurezza personale (vestizione e svestizione), per la gestione dell’area in cui i lavori vengono realizzati, per il trattamento, confezionamento e rimozione del materiale stesso.

Ad ARPAT e ASL viene assegnata la competenza di effettuare controlli a campione sulle comunicazioni presentate dai cittadini. La ASL può fare controlli prima e durante l’esecuzione mentre ARPAT è chiamata a verificare la corretta classificazione e smaltimento del rifiuto. ISPRO invece compie il monitoraggio annuale delle quantità rimosse di materiali contenenti amianto da parte delle utenze civili in territorio toscano.

Il materiale in modeste quantità, contenente amianto e proveniente da utenze domestiche, gestito in proprio dal proprietario può essere considerato un rifiuto urbano ed in quanto tale deve essere rimosso seguendo precise istruzioni, avvalendosi del supporto del Comune e del gestore dei rifiuti urbani, operante nel territorio, per il trasporto e smaltimento.

Le modalità di rimozione sono descritte in modo dettagliato; in primo luogo è necessario munirsi del kit, fornito dal gestore pubblico, che contiene le indicazioni cui attenersi per rimuovere correttamente i piccoli manufatti domestici contenenti amianto tutti i materiali necessari (dispositivi di protezione individuale e materiali idonei per imballare il rifiuto) per svolgere le operazioni di rimozione in sicurezza.

Condividi

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.