Riceviamo e pubblichiamo da www.enenergianuova.it

Siamo una piccola associazione culturale “EN Energia nuova”, come quella che dovrebbe esser data all’Italia in questo periodo (Cura Italia/Rilancio) e vorremmo esternare il nostro pensiero circa un argomento che, a ns. parere, rappresenta un vero e proprio “intruso” tra le varie manovre economiche ed iniziative del Governo.

Parliamo della cd. regolarizzazione SOLO di alcune, precise, categorie di migranti, che appare più come una vera e propria “sanatoria dei clandestini”, voluta dalla Ministra Bellanova, con un passato, lei stessa, da bracciante! Questa sanatoria però presenta molti aspetti negativi:
• Come tutte le sanatorie, premia i disonesti, cioè tutti quei datori di lavoro che sfruttano in nero imigranti, condonando, di fatto, l’evasione e lo sfruttamento, apportando per contro solo pochispiccioli allo Stato, perché ben pochi, per ovvi motivi, aderiranno;


• Alla stessa stregua allora, risulterebbero legittime anche altre forme di sanatoria, quali quelle fiscali, quelle previdenziali e quelle edilizie, che rappresenterebbero ben altre cospicue entrate, se lo scopo è quello di far cassa per RILANCIARE l’economia nazionale. Il tutto unitamente ad un anno bianco (zero tasse e zero contributi);


• Quello di regolarizzare i clandestini, nel termine “RILANCIO” appare, come già detto, un intruso piuttosto che una misura economica, in altre parole una crociata della Bellanova, visti anche i suoi trascorsi;


• Non prevede alcun incentivo per i datori di lavoro, che tra l’altro non avranno alcun interesse ad autodenunciarsi;


• Questa sanatoria rappresenta di fatto la legittimazione di un atto illecito e che potrebbe
alimentare altresì l’aspettativa di future ulteriori regolarizzazioni, incoraggiando ed
incrementando l’immigrazione irregolare con tutto il relativo indotto. Alimentare in altre parole
una relazione tra criminalità ed immigrazione clandestina;


• In aggiunta a quanto sopra, tale sanatoria riguarda solo alcune categorie, escludendone altre, quali la logistica e l’edilizia, dove sono presenti tanti irregolari;


• Sanatoria in assenza di una riforma dell’immigrazione: equivale a costruire una casa partendo dal tetto;
• Discrimina tutti quei lavoratori italiani anch’essi sfruttati e costretti a lavorare in nero;


• Verranno posti in essere tanti contratti di lavoro “FITTIZZI” da parte di sedicenti datori di lavoro, in cambio di prebende in nero, da parte dell’immigrato (falso ideologico, estorsione e truffa), com’è già accaduto in passato, solo per avere il tanto agognato permesso di soggiorno (v.Padova oggi – 30/10/2018, Finte assunzioni/truffa all’INPS; v. Arezzo notizie – 27/06/2019, Falsi contratti; v. Prima Como – 12/03/2018, Como business).In altre parole: firme false + prebende = permessi di soggiorno, rilasciati anche a criminali, data la totale assenza di un controllo preventivo presso il paese di origine;

Sicuramente l’attuale Presidente della Camera (terza carica dello Stato) sarà grato alla Bellanova, potendo lui stesso beneficiare della sanatoria.