“Comprate nei negozi sono gli affari più convenienti di sempre”

Mauro Lassi, Presidente Confesercenti Prato: “Previsione difficile ma sicuramente sarà il saldo più scontato della storia”

Partiranno sabato 1° agosto, anche nel nostro territorio, i saldi posticipati di circa un mese causa lockdown. Come noto, la chiusura obbligata, che aveva costretto allo stop anche le attività dettaglio abbigliamento e calzature nel periodo marzo/maggio, ha portato la Regione Toscana, anche su richiesta delle principali associazioni di categoria del settore, a prevedere il posticipo, seppure mitigato dall’abolizione del divieto vendite promozionali nei 30 giorni antecedenti. 

“Come andranno i saldi di quest’anno? Ecco questa è una domanda a cui è molto difficile rispondere – commenta Massimo Bettazzi, presidente settore moda della Confesercenti Prato – Non si può azzardare una vera previsione, se non altro per il fuggi-fuggi verso le località di mare che sicuramente contraddistinguerà questo week-end”.

L’eccezionalità della situazione post covid farà si che, per fare un primo bilancio delle vendite, bisognerà probabilmente attendere i primi due weekend. Resta comunque la sensazione che, per una serie di motivi (incertezza economica, obbligo di mascherina e distanziamento sociale, smart working prolungato) le attività economiche del settore difficilmente riusciranno ad uscire dalla drammatica situazione in cui versano. E ciò nonostante il grande assortimento e la varietà di prezzo dei prodotti in vendita, sono davvero senza precedenti alcuno a causa del periodo di chiusura obbligatoria osservato dalle attività.

“I saldi estivi – aggiunge Bettazzi – rappresentano una grande opportunità e la possibilità di offrire sconti particolari. Per la clientela quindi è una ghiotta opportunità per rinnovare il guardaroba e togliersi qualche sfizio acquistando per esempio capi di abbigliamento, calzature e accessori all’interno delle vetrine i prezzi saranno vantaggiosi e inoltre ci sarà anche una grande varietà di taglie e modelli”.

Da parte sua Mauro Lassi, presidente Confesercenti Prato, aggiunge: “Oggi più di prima, dopo il lungo periodo di lockdown l’acquisto nei negozi di vicinato rappresenta l’occasione anche per riassaporare il piacere di passeggiare per i nostri centri storici oltre che per rafforzare i rapporti tra commercianti e la clientela tenuta per mesi a distanza dall’emergenza coronavirus. L’acquisto nei negozi tradizionali ha poi un valore anche sociale. Il consumatore infatti può dare un contributo fattivo attraverso gli acquisti anche al mantenimento delle aperture dei negozi che come sappiamo stanno vivendo un periodo non semplice. Confesercenti invita quindi i consumatori a fare acquisti nei negozi tradizionali approfittando della qualità della merce e della gentilezza degli addetti che sapranno consigliare i migliori acquisti alla clientela gli sconti, quest’anno saranno più sostanziosi: le percentuali aumenteranno ancora e la necessità di fare cassa, visti gli andamenti del primo semestre, spingerà gli imprenditori al saldo più scontato della storia. Un’occasione anche per i consumatori, a cui ci appelliamo, comprate nei negozi, sono gli affari più convenienti di sempre”.