LIDU Prato: no alla schedatura dei Rom

LIDU Prato: no alla schedatura dei Rom

La sezione pratese della Lega Internazionale per i Diritti dell’Uomo, dichiara quanto segue:

“La notizia di questi giorni e l’insistenza di un Ministro della nostra Repubblica che dichiara la volontà di procedere alla schedatura dei Rom impone alla nostra associazione, impegnata per il rispetto dei diritti dell’uomo, di intervenire pubblicamente per invitare ad una mobilitazione contro una decisione in conflitto con i principi della nostra Costituzione e con principi sanciti a livello internazionale. Invitiamo quindi i cittadini e le istituzioni democratiche a manifestare la propria contrarietà con i mezzi di cui ognuno dispone. C’è stata poi, in questi giorni, un’altra notizia che richiama l’attenzione di tutti i cittadini: la proposta, fortunatamente bloccata dal Consiglio Comunale di Roma, dell’intitolazione di una strada a Giorgio Almirante, coinvolto nella redazione delle norme razziste del 1938 contro gli ebrei e nella collaborazione al giornale antiebraico del regime fascista “La difesa della razza”. Non è improprio accumunare queste due circostanze che si ispirano all’intolleranza e attentano alla libertà dell’individuo. La LIDU ritiene quindi dovere di ciascuno intervenire per la difesa dei principi della nostra Costituzione, che, ricordiamolo, è nata dalla Resistenza contro i regimi dittatoriali e razzisti”.

Condividi

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.