2021 Cambio delle regole bancarie, una nuova stangata per le imprese?

2021 Cambio delle regole bancarie, una nuova stangata per le imprese?

Confesercenti Prato chiede urgentemente un intervento sulle nuove norme bancarie, “Stop agli automatismi sui crediti deteriorati”

“Di fronte all’emergenza provocata dalla pandemia è necessario ripensare urgentemente alcune delle nuove norme in materia bancaria pensate in un contesto completamente diverso da quello attuale”. È l’appello contenuto in una lettera congiunta delle associazioni di imprese alle istituzioni europee, firmata da Abi da Confesercenti e altre associazioni di categoria.

Confesercenti Prato esprime una forte preoccupazione per le nuove regole europee sul default, anch’esse in vigore dal 1° gennaio 2021, che metteranno a rischio fallimento decine e decine di attività commerciali. Le nuove disposizioni provenienti da Bruxelles stabiliscono infatti che un’impresa risulterà insolvente a fronte di un arretrato di 90 giorni per un importo superiore a 500 euro e pari ad almeno l’1% del totale delle esposizioni verso l’istituto di credito (ora al 5%).

Per privati e piccole e medie imprese, invece, lo stato di cattivo pagatore scatterà con un arretrato di soli 100 euro. Un drastico abbassamento delle soglie, che potrebbe aprire le porte della blacklist bancaria per tante imprese e negozi, oltre che far aumentare esponenzialmente la mole dei crediti deteriorati. Questa nuova norma approvata dall’Unione Europea nel 2013 per mettere in sicurezza il sistema bancario è definita inaccettabile dall’associazione di via Pomeria, soprattutto alla luce dell’emergenza che stiamo vivendo.

“Sono in pericolo – commenta Mauro Lassi, Presidente Confesercenti Prato – migliaia e migliaia piccole attività, che pur di non fallire potrebbero essere costrette alla chiusura o a ricorrere a finanziamenti illegali. Danno enorme per il sistema economico, aggravato dal fatto che le banche, per evitare il rischio di troppi crediti deteriorati e relativi accantonamenti, limiterebbero ulteriormente il credito a tutte le piccole imprese. Occorre uno stop immediato a questo provvedimento. Nel 2021 corriamo il rischio di andare incontro a una tempesta perfetta che sarà micidiale per l’economia locale. Non si tratta di una previsione di carattere meteorologico, bensì di carattere economico-sociale, quella di una tempesta perfetta che ci attende nel 2021, a causa di una concomitanza di fattori negativi che se già singolarmente sarebbero difficili da affrontare, nel loro insieme saranno devastanti per imprenditori, lavoratori autonomi, professionisti, famiglie, cittadini”.

Termine moratorie bancarie, nuova normativa sul default, pagamento rateizzazioni arretrati fiscali, cartelle e sanzioni che per decreto sono state congelate a causa dell’emergenza Covid con l’obiettivo di dare ossigeno alle aziende, per Confesercenti Prato tutto questo rischia di far soffocare aziende e imprenditori.

“Questo – conclude Lassi – è il momento per lo Stato di dare sostegno a tutte le attività danneggiate dall’epidemia. Il 2021 sarà un anno in cui tutti i nodi verranno a pettine. L’emergenza continua ha coperto e forse giustificato tutto, ma il prossimo anno sarà l’anno delle scelte che determineranno il futuro di tante imprese e le imprese valuteranno senza riserve tali scelte”.

Copyright © 2020 - Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi dell'art. 62 del 07/03/2001.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy, incluse le seguenti finalità relative alla pubblicità utilizzate dal Titolare e da terze parti: Conservazione e accesso alle informazioni; Personalizzazione; Puoi liberamente fornire, rifiutare o revocare il tuo consenso senza incorrere in limitazioni sostanziali e modificare le tue preferenze relative agli annunci pubblicitari in qualsiasi momento accedendo al pannello delle preferenze pubblicitarie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi