Vittorio Sgarbi a Prato per presentare il libro dell’artista Andrea Martinelli

Vittorio Sgarbi a Prato per presentare il libro dell’artista Andrea Martinelli

Si annuncia come uno degli appuntamenti più attesi del prossimo mese a Prato, organizzato dall’associazione Divisore70.

Martedì 5 dicembre alle 18,30 nella prestigiosa sala delle aste della Galleria Farsetti, il critico d’arte più famoso d’Italia, Vittorio Sgarbi, presenterà con l’autore il libro “Il volto, l’ombra, la memoria. Pagine di diario 1992-2017” edito da Le Lettere.

Una raccolta di scritti, a cura di Stefano Crespi, in cui rivivono ricordi, memorie indelebili, quasi momenti iconici, come gli incontri con Giovanni Testori e la figura di Piero Bigongiari. Si scoprono le emozioni nelle aperture agli artisti europei. Si aprono improvvise, indicibili le fascinazioni nei sentimenti affettivi. Si ritrova interamente la dialettica ultimativa del volto e dell’ombra che dà forma a tutta la produzione di Martinelli. Un’opera intima che porta il lettore nei luoghi della segretezza e nell’intensità di una scrittura partecipe e originale.

Accompagnano gli scritti le significative testimonianze di Vittorio Sgarbi e di Mario Botta, e la postfazione di Stefano Crespi, curatore della collana. Come ulteriore suggestione figurano alcune fotografie di Gianni Berengo Gardin.

Interverranno Andrea MartinelliVittorio Sgarbi e il giornalista Maurizio Ciampolini, che condurrà l’incontro. Inoltre ci sarà la partecipazione straordinaria dell’attore Piero Baracchi che leggerà alcuni passi del libro.

L’iniziativa è aperta al pubblico e ad ingresso libero.

L’associazione Divisore70 torna con questo evento a proporre alla città appuntamenti culturali e di dibattito, dopo gli incontri con Oliviero Toscani, l’iniziativa della pezza rossa e la mostra fotografica dello scorso anno “I volti di Prato”.

Andrea Martinelli è nato a Prato il 12 marzo 1965. Dopo essersi diplomato all’Istituto Statale d’Arte di Porta Romana a Firenze, nel 1988 vince il “Premio Tito Conti”, con il quale l’Accademia delle Arti del Disegno gli assegna, come borsa di studio, un prestigioso studio in Piazza Donatello a Firenze, per un periodo di cinque anni. In questo periodo lavora con grande intensità ad una serie di grandi carte dipinte, dal titolo Senescenze che attirano l’attenzione di Giovanni Testori. Nel 1999 è invitato alla XIII Quadriennale di Roma, mentre sarà presente alla Biennale di Venezia nel 2003 e nel 2011. Negli anni sono state allestite mostre personali in Italia e all’estero tra cui ricordiamo le antologiche di Strasburgo, Atene, Amsterdam, Anversa, per poi approdare in Germania e in Svizzera. Nel 2013 viene allestita una mostra alla Galleria degli Uffizi di Firenze, in occasione della donazione del suo autoritratto La bocca al Corridoio Vasariano. Alla sua figura d’artista è stato dedicato nel 2011 un documentario per la regia di Elisabetta Sgarbi dal titolo Andrea Martinelli – Lotta silenziosa, e nel 2015 il cortometraggio Mistral per la regia di Alessandro Pucci.

Condividi

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.